lunedì 28 febbraio 2011

1x00 (PUNTATA PILOTA) Misteriose Racchette Antiche

Benvenuti a questa prima, entusiasmante puntata di Archeologia Videludica, la prima trasmissione dell'era IPN che ci racconterà e ci farà discutere della storia del videogioco e della cultura degli anni settanta, ottanta e novanta.

In questa appassionante escursione archeologica Giuseppe "Professor Jones" Scaletta e Marco "il Distruggitore" Gualdi ci faranno compagnia, coadiuvati alla conduzione da Simone Pizzi.
Cogliamo l'occasione per scusarci della non eccelsa qualità del formato audio, che sarà di gran lunga migliore già dall'episodio 1.

Ringraziamo infine i tester (Michele Shuren, Rocco Caprella, Julien di Rock House, Matt e Graz di Nowherecast) che ci hanno permesso di rifinire in corsa questo episodio e grazie ai quali realizzeremo i miglioramenti futuri.

Vi invitiamo a partecipare e inviare le vostre critiche e suggerimenti, tanto il Distruggitore le ignorerà, ma il Prof. Jones ci tiene e quindi fatelo contento :)

Ascolta il podcast


Abbonati al feed di IPN su iTunes

Abbonati al feed di IPN con un qualsiasi aggregatore

Per scaricare il file clicca qui (tasto destro del mouse e Salva con nome...)


IN QUESTO EPISODIO


Videoche?
Come prima cosa, grazie ad alcune diciture trovate in rete, ma soprattutto grazie a Wikipedia, cerchiamo intanto di dare una definizione al videogioco:
"Il videogioco è un gioco le cui regole sono gestite automaticamente da un dispositivo elettronico che utilizza un'interfaccia uomo-macchina basata sul display come sistema di output. Come qualsiasi gioco, il videogioco riproduce simbolicamente determinati contesti culturali, astraendoli dal loro ambito di default ed applicandoli a contesti e situazioni che possono andare dalla simulazione più fedele fino alla parodia."
La preistoria videoludica
Il percorso del Professor Jones e soci inizia proprio dagli albori, anche se resta labile la definizione di videogioco, almeno nelle intenzioni. Il primo esempio di intrattenimento o interazione risulterà essere un dispositivo a valvole che simulava il lancio e il direzionamento di un missile verso un determinato bersaglio.
OXO, il classico gioco del filetto, o tris, invece ci pone davanti al primo esempio di interazione e intrattenimento realizzato proprio con un calcolatore elettronico. Concepito dal suo creatore proprio per dimostrare le potenzialità di interazione tra l'uomo e la macchina.
Tennis for Two invece è proprio quello che potremmo definire il primo esempio di videogioco, con finalità di intrattenimento e divertimento, realizzato con un oscilloscopio. Il gioco è un antesignano, sebbene molto più evoluto per certi versi, del più popolare Pong, al quale molti danno il merito di essere il primo vero videogioco dell'era moderna.

Brani in questo episodio
Rock'n'Roll Hall Of Fame - Pornophonique

Altri links
EDSAC, un supercomputer per far girare OXO
The Edsac Simulator
Tennis For Two su YouTube
100 di questi videogame, Willy Higinbotham
Celebrating Tennis for Two



LICENZA DEL PODCAST. 
Questo podcast può essere liberamente distribuito o diffuso. Non è consentito l’uso per scopi commerciali. Non è possibile modificare l’opera. Licenza Creative Commons: Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.0 Generico.

22 commenti:

Simone Pizzi ha detto...

Il primo commento lo faccio io ma non sulla puntata, quanto sulla testata grafica del blog e quella della singola puntata...
Bravo Prof.

Marcello Salamone ha detto...

non ci posso credere... Peppe finalmente ti sei deciso! vi sto ascoltando e la cosa solletica!
complimentoni per la nuova iniziativa ed un immenso in bocca al lupo!

dituttumpodcast ha detto...

In bocca al lupo ragazzi....
Ottimo lavoro :)

Un abbraccio

Michela

Il distruggitore ha detto...

Crepi! LO sapevate che la prima versione di OXO si chiamava XXX? Poi per ovvie ragioni hanno cambiato....

Simone Pizzi ha detto...

Ma io dubito che nella fine degli anni 40 la scritta XXX potesse essere seriamente associata ad altro :D

nino ha detto...

ottimo inizio.. avanti così :-)

Saluti, Nino.

Simone Pizzi ha detto...

Grande Nino, ben ritrovato.
Suggerimenti e consiglio sono sempre ben accetti.
Un saluto.

Alberto Armida ha detto...

Bella puntata! In quanto Nerd... non potevo perdermela!!!

Continuate così! :)

Marco - CasaPizza ha detto...

Per prima cosa grandi complimenti al Prof. Peppe che ha dimostrato di essere giustamente un po' emozionato nel passare dall'altra parte della barricata ma è stato molto convincente e preparato nel ruolo dell'archeologo videoludico: bravissimo Peppe, veramente! :D
L'idea di questa trasmissione mi piace molto: di tanti podcast sui videogiochi mai nessuno si era occupato dell'aspetto storico; molto interessante.
Ciaoooo

Gabriele ha detto...

In bocca al lupo ragazzi!!!!

Simone Pizzi ha detto...

Crepi ;)

Noy a.k.a. Manah ha detto...

Vi sembra che non ci sia… ma so' qua, il Prof. Jones osserva e poi… commenta ;)

@Simone: Lei è veramente troppo lusinghiero. La chiamerò Lusinghiero Pizzi!

@Marcello: Il mio Mapone, che bello! Da conterraneo dobbiamo rafforzare la nostra presenza a scapito dei romani, che ne pensi?

@dituttumpodcast: Micheeeeee' :D

@Il distruggitore: Facevano certamente più successo lasciando XXX!

@nino: Grazie Nino, nel tempo vedrai che le cose si evolveranno, in meglio mi auguro :)

@Alberto: Mitico Alb, sai che ho la puntata 10 di Infobloggando in canna, quindi non potevi scrivere altro ;)

@Marco: I complimenti di un pluriapprezzato podcaster come te non possono che inorgoglirmi e infondermi la giusta spinta. Grazie e un saluto a tutta la famigliola!

@Gabriele: Crepax!

Alessandro Monopoli ha detto...

Uella!

Il podcast mi e' piaciuto tanto, pero' la rassegna stampa mi ha triturato i testicoli :D Dopo qualche minuto, ho saltato perche' mi stava uccidendo :)

Noy a.k.a. Manah ha detto...

Ah ah ah! :D Grazie Alessandro, ce ne siamo resi conto anche noi, subito dopo aver registrato e abbiamo già stabilito che quella rubrica deve risultare più snella e contestualizzata.
Vedrai che alla prima puntata (essendo questa un pilot) almeno su questo punto non ti deluderemo ;)
Ne approfitto per complimentarmi con te della tua carriera artistica ;)

StM ha detto...

Ehilà, ho finito poco fa di ascoltare la puntata. Carina, come già detto vi dilungate un po' troppo sugli eventi storici all'inizio ma anche dopo vi capita di ripetere un po' troppo le cose. Personalmente spalmerei il contesto storico su tutta la puntata - "nell'anno tal dei tali esce Piddu Bros, mentre nel mondo succede questo e quest'altro".

Non sarebbe male se riusciste ad approfondire i dettagli tecnici - ragazzi, un oscilloscopio lo conosce qualsiasi studente di istituto tecnico o di ingegneria :P, e sono un po' rabbrividito quando annunciando gli argomenti della prossima puntata avete accennato a unix "forse quello stesso unix di oggi, boh, sì, credo" (oggi ci sono i figli di unix - gnu/linux, *bsd, MacOSX - e qualche unix evoluto). Vi manca un tecnico in squadra :P

Non so se conoscete la trasmissione di radio3 "Cuore di Tenebra - Dentro la storia". Ascoltatene qualche puntata (magari su un argomento che vi interessa - a me sono piaciute le puntate "il maestro di danze" o "in nome del dio denaro", tra le ultime). Ha un taglio particolare che non si adatta del tutto al vostro caso (ci sono attori che impersonano personaggi storici e intervistatori a volte immaginari), ma magari potete trarre un po' di ispirazione.

In bocca al lupo :)

Simone Pizzi ha detto...

La prima cosa è grazie, la seconda è benvenuto e la terza... oddio brividi eh...
No, apparte gli scherzi. Concordo quasi su tutto, soprattutto sulla questione ritmo e sulla lunghezza della parte storica. Ripeto, come detto anche nei vari forum, che è più una questione di rodaggio e di focalizzazione di come si vuole realizzare una determinata rubrica e quindi ci sono buone speranze nel secondo tentativo di avere un qualcosa che sia più simile a quello che volevamo fare.
Per il resto, ripeto, in primis per noi è uno show, poi il gusto della scoperta è il maggiore divertimento per noi e per molti che l'hanno trovata divertente (difetti apparte). Capisco il rabbrividimento da una parte, anzi, lo capisco proprio, dall'altra mi sembra comunque anche eccessivo. In definitiva se non si lascia spazio al gioco e all'idea del personaggio del professor jones che, posta la domanda si immerge nella ricerca, non è che rimane molto dello show e si rischia di fare una trasmissione di videogames come ce ne sono tante e quasi tutte, di certo, più ferrate della nostra.

Cristina ha detto...

In ritardo causa problemi tecnici internettici.
Volevo solo dire che mi aspettavo sinceramente na roba noiosa, e invece sono rimasta sorprendentemente interessata ed il tempo è volato, quindi bravi tutti e tre! :)

Simone Pizzi ha detto...

l'invasione trevisana :D
Grazie Cri ;) possiamo ancora migliorare.

IlRagazzoDelLift ha detto...

Ottima iniziativa.

Noy a.k.a. Manah ha detto...

Grazie ragazzo ;)
Sta per arrivare la seconda botta, tieni duro.

A.D.N. ZOON ha detto...

Complimenti ragazzi per il progetto. Divertenti, chiari e piacevoli!

A.D.N. ZOON ha detto...

A proposito un simulatore di Tennis for Two esiste, eccolo:
http://www.gamersquarter.com/tennisfortwo/